Denominazione, obiettivi, destinatari e durata

In Lussemburgo lo stage assume finalità e obiettivi diversi a seconda dei destinatari a cui si rivolge. Secondo la recente riforma della formazione professionale del 2010 (www.men.public.lu/priorites/formation_professionnelle/index.html), è obbligatorio fare uno stage di avviamento al lavoro della durata di 12 settimane sia nel triennio che prepara al conseguimento del Diploma di Attitudine Professionale (DAP), sia nel quadriennio per ottenere il Diploma di Tecnico (DT). Le stesse università possono organizzare o proporre stage nell’ambito dei diversi percorsi formativi. Uno studente può fare anche uno stage volontario trovato sul mercato libero, che può essere più o meno pagato, ma deve essere sempre coperto da un’assicurazione contro gli infortuni. Lo stage in questo Paese è inoltre uno strumento finalizzato a favorire l’inserimento nel mondo del lavoro dei giovani lussemburghesi sotto i 30 anni. Sono 3 le principali misure56 che utilizzano lo stage come politica attiva e prevedono tirocini retribuiti dai 6 ai 24 mesi, pagati l’80% del salario minimo in vigore nel Lussemburgo, pari a circa 1400 euro mensili:

  • CIE-EP (Contrat d’Initiation à l’Emploi, Experience Pratique) in favore dei giovani diplomati e laureati che hanno difficoltà a trovare lavoro, pagati fino al 120/150% del salario minimo, a seconda del tipo di laurea/master);
  • CIE (Contrat d’Initiation à l’Emploi), solo per i diplomati e i qualificati in cerca di lavoro, iscritti all’ADEM– Agence pour le Développement de l’Emploi;
  • CAE (Contrat d’Appui a l’Emploi) in favore dei giovani in cerca di lavoro, iscritti all’ADEM da almeno un mese.

Infine lo stage viene utilizzato in Lussemburgo anche come strumento per favorire il reinserimento professionale (SR – Stage de Réinsertion) degli adulti disoccupati di minimo 30 anni, iscritti da almeno tre mesi all’ADEM.

Le lingue parlate in questo Paese sono tre: il lussemburghese, il francese e il tedesco. Il lussemburghese è la lingua nazionale (simile al tedesco), il tedesco è la lingua più utilizzata dai media, mentre il francese è la lingua amministrativa. La moneta è l’euro.

Fonti : “Il Manuale dello stage in Europa” ISFOL, 2012.